Gli stili regionali della Muay Thai
Storia Muay Thai

Gli stili che hanno influenzato la Muay Thai moderna

Gli stili regionali

La Muay Thai è un’arte marziale così antica e complessa che risulta quasi impossibile identificarla come un solo stile di combattimento. Forse nell’era moderna ormai si è concepita come un’unica entità, ma prima che questo accadesse nell’antico regno del Siam l’arte marziale thailandese era nettamente divisa in vari stili regionali.

Korat

Questo stile è originario del nord della Thailandia, si basa sostanzialmente sulla prestanza fisica e sull’utilizzo di colpi potenti. In questa forma di combattimento ciò che prevale è la forza d’impatto e non l’eleganza o la pulizia dei colpi. La guardia nel Korat è bassa e stabile e si basa su delle combinazioni di due o tre colpi. 

Lopburi

Questa forma di combattimento si sviluppò nella zona dell’attuale Bankok. Lo stile è un misto di potenza e agilità. Questa forma di lotta si basa sulla velocità e sulla precisione d’esecuzione di una sequenza di quattro, cinque colpi. La guardia, a differenza dello stile Korat, è molto alta e meno stabile e ciò permette una maggiore agilità.

Chaya

Originario del sud del paese questo stile di combattimento è incentrato sulla complessità delle tecniche, nei combattimenti i fighter utilizzano colpi di gomito, ginocchiate, pugni e calci particolari, colpi d’incontro con continui spostamenti laterali, arretramenti e avanzamenti. Probabilmente questo tra gli stili precedentemente descritti è considerato il più articolato e il più tecnico.

Differenze visibili ai giorni nostri

E’ molto difficile sapere con certezza come si sono sviluppate nel tempo queste tre principali forme di combattimento. Tuttavia è ovvio che la Muay Thai moderna sia stata influenzata da tutti e tre gli stili regionali, infatti, ancora oggi quando vediamo i fighter thailandesi combattere possiamo capire a quale regione appartengono proprio basandoci sullo stile che adottano durante il match.